Chi siamo

Nicola Atzori e Silvia Giachetti

Bevendo un ottimo çay in Turchia

NOTA del 20 aprile 2017

Cari lettori, a malincuore ci troviamo a scrivere questa nota… Per motivi di lavoro e familiari al momento non viaggiamo in moto (dal 2012), diciamo che siamo purtroppo in stand-by. A presto (speriamo) di nuovo in sella on the road!

Nicola e Silvia

—–

Siamo due motociclisti viaggiatori, Nicola Atzori e Silvia Giachetti, viviamo a Pisa e ogni anno coltiviamo la nostra passione con nuovi viaggi ed esperienze. Dal 2008 e ad oggi siamo stati in Francia, Spagna, Portogallo, Croazia, Slovenia, Serbia, Bulgaria, Turchia, Georgia, Armenia e Iran. Ci piace viaggiare in completa autonomia, da soli e senza per forza avere dei contatti sul posto che visiteremo prima di partire, anzi cerchiamo proprio di evitarlo! Viaggiamo con il nostro mezzo preferito, la moto appunto, e ci documentiamo al meglio per mesi prima della partenza, è uno dei passatempi preferiti durante l’inverno. Abbiamo sempre una cartina in doppia lingua e una buona guida in valigia. Se vuoi contattarci, siamo a completa disposizione per consigli e aiuti. Sono ben accette anche le critiche, purché siano ovviamente costruttive.

Nicola Atzori: Facebook , Twitter – Silvia Giachetti: Facebook Twitter

Le fotografie presenti su questo sito web sono di proprietà di Nicola Atzori e Silvia Giachetti. Chi volesse farne uso è pregato di citare la fonte Atzori.net

We are two italian motorbike travellers, Nicola Atzori and Silvia Giachetti. You can find us also on:

Nicola Atzori: Facebook , Twitter – Silvia Giachetti: Facebook Twitter

The photographs on this website are property of Nicola Atzori and Silvia Giachetti. Anyone wishing to make use of it is requested to cite the source Atzori.net

Contattaci – Contact us

16 thoughts on “Chi siamo

  1. bello, mi riservo di guardarmeli con piu calma poi.
    interessante l iniziativa letta su mototurismo, sia per la turchia che un gg visitero sia per il lato fotografico essendo molto interessato di fotografia.
    bel lavoro
    ciao e buona strada

    Mi piace

  2. Ovviamente complimenti per tutto. Anch’io ogni anno con mia moglie e la mia signora (Rt1200) ci regaliamo un tour sui 5-6000 km. Quest’anno ci piacerebbe un giro fino ad istambul passando dai Balcani (Croazia Serbia Bulgaria) e rientrando dalla grecia. Avete suggerimenti per qualche tappa interessante o consigli particolari? Grazie e sempre in sella

    Mi piace

    • Ciao Ernesto,
      grazie per i complimenti! 🙂 Allora, sulla strada per la Turchia noi consigliamo Novo Mesto in Slovenia, Samobor in Croazia, Smederevo e Nis in Serbia. Sono tutte molto carine, non troppo grandi e molto accoglienti. La Bulgaria non ci ha mai entusiasmato, magari va esplorata un pò meglio, quindi non sappiamo darti indicazioni visto che di solito l’abbiamo attraversata tutta in un giorno. In Bulgaria però, stai molto attento alle pattuglie con l’autovelox. Per altre info, siamo qua 😉

      Mi piace

  3. Grazie per le dritte sull’abbigliamento donna in Iran. Io ci vado il prox aprile ed ero presa dal panico. Vedo però che la cosa non è poi così rigida come pensavo.
    Grazie ancora e complimenti!!!

    Mi piace

    • Ciao,
      grazie per i complimenti! Le regole non sono poi così rigide, basta una camicia/maglia che copra il sedere, pantaloni lunghi e foulard in testa…quindi è sopportabile e ne vale assolutamente la pena! Buon viaggio!!!

      Mi piace

  4. Non sono riuscito a leggere per intero il vostro viaggio in Turchia dato che a luglio ci vorrei andare mi piacerebbe avere più informazioni sulle condizione delle strade dato che ci andrò con la mia fedelissima R1200rt BMw e di strade non asfaltate non posso farle grazie anticipate

    Mi piace

    • Ciao Claudio,
      sicuramente riuscirai a leggere qualche altro articolo del nostro diario del primo viaggio in Turchia, da stasera riprendo a scrivere… 😉
      Riguardo le strade: in questi 3 anni abbiamo notato miglioramenti sempre più notevoli. Si può dire ormai che le strade fino alla Cappadocia e Amasya, tutto l’ovest e la costa mediterranea sono in ottimo stato; ovviamente mi riferisco alle strade principali (statali e autostrade). Se cerchi strade meno importanti, è invece probabile che tu trovi pessime condizioni o peggio cantieri aperti con asfalto liquamoso fresco). Ripeto però, secondo me puoi andare tranquillo e godertela, i problemi possono essere un po’ di più nell’est e sud est! 😉

      Mi piace

  5. Grazie del consiglio fammi sapere quando posso leggere le altre puntate del vostro interessantissimo viaggio io sono riuscito a leggere solo dal 12 giorno ciao

    Mi piace

  6. Ciao, vorrei andare in Georgia e Armenia passando dalla Crimea ma vedo che ci sono difficoltà, quindi opto per la turchia passando da Istanbul all’andata e dal lago di Van al ritorno. Per i visti si possono ottenere in frontiera o si devono avere prima di partire e che luoghi mi consigliate di visitare oltre a Yerevan e Tblisi? io ho un gtr 1400 e quindi non posso fare motoalpinismo ma al massimo strade bianche poco impegnative.
    Grazie e buona strada

    Mi piace

    • Ciao Sergio,
      scusa il ritardo nella risposta, ma è un periodo molto incasinato. Allora, vedo di risponderti: dal 10 gennaio 2013 per l’Armenia non serve più il visto, mentre per la Georgia non è servito neanche quando siamo andati noi nel 2011. Le frontiere turco armene sono chiuse, per cui puoi passare solo dalla Georgia (o dall’Iran, se hai i documenti necessari). La Georgia a noi piace un sacco, il nostro tragitto fu Sarpi, Batumi, Kutaisi, Tbilisi, Kazbek (con la strada militare) e poi rientrando dall’Armenia, Ninotsminda e Vale (questo tratto di strada memorabile, spersi nel niente più selvaggio fra i monti e indietro nel tempo di una ventina d’anni). Per l’Armenia siamo passati dalle gole del Debed, quindi Vanadzor e Yerevan, per poi andare verso l’Ararat al Khor Virap e quindi risalendo verso Gyumri a nord (paesaggi da urlo!). Abbiamo saltato per problemi di tempo il lago di Sevan e il monastero di Tatev a sud. Questo monastero fino all’anno scorso era impegnativo da raggiungere a livelli di strade, ora non saprei, prova a fare una ricerca. Altra tappa interessante potrebbe essere Mestia in Georgia, noi non ci siamo stati perché la strada era parecchio inagibile, ma ora sembra sia stata tutta (o quasi) sistemata 😉
      Buona strada anche a te!

      Mi piace

  7. Ciao ragazzi ho letto e “sfogliato”praticamente tutto del vostro sito. Complimenti ho trovato moltissime utili info per il nostro prossimo viaggio sulla “via della seta”. Andata via Grecia, Turchia, Iran, Turkmenistan, Uzbekistan e ritorno via Kazakistan, Russia, Ucraina. Lo faremo in agosto ma come scrivi tu i mesi invernali sono perfetti per dedicarsi all’ organizzazione. Leggere i consigli di Silvia per l’ Iran ha tranquillizzato molto mia moglie; la nostra cultura occidentale ci porta spesso a essere prevenuti. Apprezzo molto il vostro sforzo per mettere a disposizione di altri motociclisti la vostra sana passione per i viaggi; con il massimo rispetto e per uno scambio di info se mai dovreste avere bisogno di qualche dritta abbiamo anche noi un piccolo bagaglio acquisito in circa 15 anni di viaggi autonomi…abbiamo percorso strade in tutta Europa, Tunisia, Russia, Siria , Giordania, Stati Uniti, Cile, Bolivia, Perù. Buona strada a tutti.
    Marco

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...